giovedì 14 maggio 2009

Fideiussioni: cosa sono?

Sentiamo spesso parlare di fideiussioni, e sempre più spesso vanno a inserirsi nei rapporti tra privati.
Quindi cosa è una fideiussione?

Si tratta di un contratto sottoscritto da tre diverse figure: contraente, beneficiario e garante, in cui qualcuno presta garanzia (il garante), per il contraente nei confronti del beneficiario.
E' più complicato dirlo che metterlo in pratica.

Cominciamo col dire che le fideiussioni si possono dividere grosso modo in due macrocategorie:

- Fideiussioni sul dare: quindi a garanzia di un pagamento;
- Fideiussioni sul fare: quindi a garanzia della corretta esecuzione di un lavoro o di una fornitura.

Dunque la compagnia che emette la fideiussione si impegna a fare da garante in caso di insolvenza del contraente (colui che deve pagare o eseguire il lavoro), nei confronti del beneficiario.
Se le cose non vanno come previsto tra le parti, interviene la compagnia.

La richiesta di fideiussione è prevista dalla legge per tutto quello che concerne gli impegni assunti con lo Stato e gli Enti Pubblici, e sempre più di frequente interviene nei contratti fra privati.

Può sembrare un atto di sfiducia, può essere solo una pretesa di maggiore garanzia del proprio patrimonio, fatto sta che il beneficiario della fideiussione ha la sicurezza di essere assolutamente tutelato da una compagnia che, è scontato, se accetta di costituirsi garante è perchè ha verificato attentamente la situazione finanziaria e la solvibilità del contraente.

Inutile dire che qualora le cose non dovessero andare per il verso giusto, la compagnia risarcisce il beneficiario per il danno procuratogli, e poi si rivarrà sul contraente per recuperare quanto esborsato.

A chi rivolgersi per una fideiussione?

Dipende da che tipo di fideiussione ci occorre.
Soggetti abilitati a rilasciare questo tipo di garanzia sono:

- Istituti bancari (fideiussioni bancarie).
- Compagnie di assicurazione (fideiussioni assicurative).
- Intermediari finanziari aventi i requisiti di cui agli artt. 106 e 107 del D. Lgs. 385/1993 (fideiussioni finanziarie).

Le prossime volte vedremo a chi dobbiamo fare riferimento, in base a ciò che occorre garantire, e a chi è il beneficiario.

Beniamino Stovini


Rimani aggiornato col sito: iscriviti al feed!