mercoledì 7 marzo 2012

Mutui prima casa: i requisiti e le agevolazioni fiscali

I mutui prima casa godono di agevolazioni fiscali piuttosto vantaggiose, che riguardano la detrazione degli interessi passivi e degli oneri accessori pagati per la stipula del finanziamento.

Per poter accedere ai
mutui prima casa ci sono una serie di requisiti da soddisfare.
E' necessario, infatti, che l'immobile, non sia di lusso (ovvero che non rientri nelle categorie catastali A1, A8 e A9), che non abbia una superficie superiore a 90 mq, che sia ubicato nel comune di residenza o comunque dove l'acquirente intende chiedere la residenza entro i 18 mesi dall'acquisto, e che egli non sia titolare di altre abitazioni (salvo quelle di cui si è acquisita la proprietà per successione a causa di morte e che sono in uso a titolo gratuito, per esempio ai genitori o ai fratelli).

Le agevolazioni previste riguardano la detrazione dell'imposta sul reddito pari al 19% degli interessi passivi, delle spese sostenute per la stipula del finanziamento, per le spese di istruttoria e per l'onorario del notaio, ma anche delle spese di perizia.

L'acquirente può perdere le agevolazioni previste se le dichiarazioni previste dalla legge nell'atto di acquisto sono false, per mancato trasferimento della residenza entro i 18 mesi previsti nel comune in cui si trova l'immobile, o a causa della vendita dell'abitazione prima di 5 anni dalla data di acquisto, salvo che entro un anno non venga comprato un altro immobile destinato a diventare l'abitazione principale.

I
mutui prima casa, generalmente, coprono l'80% del valore dell'immobile o del prezzo di acquisto; raramente, infatti, arriva a coprire il 100% dell'importo.
Naturalmente, si dovrà dimostrare che il reddito sia adeguato all'entità del finanziamento.

Come garanzie, la banca richiede l'ipoteca sull'immobile acquistato (procedendo con il pignoramento dello stesso qualora le rate non vengano pagate) ed eventualmente una fideiussione bancaria, che impegnerà il fideiussore a rispondere con i propri beni alla restituzione del finanziamento.

In collaborazione con Creho.it

Rimani aggiornato col sito: iscriviti al feed!